Aggiornato a Venerdì 25 Settembre ore 18:35

Fidia - commento operativo

Pubblicato il 20/08/2020 alle ore 13:28:23




 

L'azienda ha subito, come tutti i titoli delle società industriali, il crollo dell'attività economica per il Covid tanto da segnare un minimo appena sopra la zona di 2 euro. Il movimento di rivalutazione ha consentito il ritorno a 3.50 euro ma il trend del titolo continua a rimanere negativo e pure molto incerto. Andamento che è legato anche ai conti aziendali poiché gli investimenti realizzati negli anni scorsi (tra cui un nuovo impianto a Forlì) sono stati pesanti e questo pesa sull'andamento dei conti. Inoltre, l'attività, in questo contesto, rallenterà anche perché l'azienda è specializzata nella costruzione di macchinari per fresatura e lavori industriali e i committenti potrebbero agire sul controllo dei costi senza investire su nuovi impianti. Il titolo, quindi, soffre e si mantiene in prossimità dei minimi di periodo e sotto la zona di 3 euro che, in questo momento, diventa il livello cardine di brevissimo. Non suggeriamo interventi perché il rischio di un doppio minimo è concreto mentre i conti aziendali, dopo anni di bilancio in perdita potrebbero avere necessità di essere bilanciati (è solo una supposizione). 

 

Strategia

Suggeriamo di attendere senza procedere ad alcun intervento operativo anche perché il movimento in atto ha prodotto un consolidamento marcato dell'indicatore e proprio in questi giorni abbiamo assistito a un segnale correttivo, anticipatore, di quest'ultimo. Segnale che se confermato dalla rottura di 2.6 euro potrebbe provocare il raggiungimento della zona di 2.30 euro. 

Al contrario, in caso di rialzo, segnale sopra 3 euro per primo target a 3.50 euro. Il livello di 4 euro appare difficile da raggiungere e, soprattutto, impossibile da superare dati i volumi che si sono sviluppati. 

 

La seconda ipotesi appare di difficile realizzazione

 

Ultime notizie

© 2020 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406