Aggiornato a Martedì 17 Ottobre ore 16:57

Luxottica/Essilor - analisi

Pubblicato il 13/10/2017 alle ore 11:50:08

Quando Luxottica Group Spa e Essilor International SA hanno annunciato la fusione di 45 miliardi di euro (53 miliardi di dollari) nel mese di gennaio, i dirigenti sembravano più lieti dei rischi antitrust. Mentre le due società sono leader nei rispettivi campi, le loro attività di occhiali sono in gran parte complementari.  

Essilor fa lenti oftalmiche;   Luxottica vende telai e occhiali da sole, tra  cui  Ray-Ban,  Oakley  e  Persol.

Il mese scorso, tuttavia, la Commissione europea ha annunciato un approfondito riesame del trattato franco-italiano, citando le preoccupazioni in materia di concorrenza. Anche i regolatori statunitensi stanno indagando. Così non c'è veramente niente da guardare qui?

Combinando Luxottica - presieduta dal fondatore miliardario Leonardo Del Vecchio - e Essilor creerebbe un leviatano con 16 miliardi di euro di vendite e enorme potere su ogni fase di produzione e vendita di occhiali e occhiali da sole. Senza dubbio questo è buono per gli investitori: l'accordo è destinato a generare fino a 600 milioni di euro di sinergie annuali, in parte attraverso la vendita incrociata. Ciò implica miliardi di euro di creazione di valore.

Ma i fornitori di obiettivi rivali e gli optometristi dovrebbero essere preoccupati, specialmente in Nord America, che rappresenterà la metà delle vendite dell'entità risultante dalla fusione.

È vero, il mercato ottico è frammentato. Eppure Luxottica è di gran lunga la più grande bestia in occhiali e ottica al dettaglio. Ha accumulato una cornucopia di marche e circa 9.000 negozi. Anche il comico John Oliver ha notato questo . L'aggiunta di Essilor, che prevede che un miliardo di persone  indossino le proprie lenti, renderebbe ancora più potente.

 

L'acquisto di un paio di occhiali può essere lento, quindi potrebbe esserci qualcosa per una società che gestisce rapidamente l'intero processo. La fusione potrebbe anche liberare fondi per l'innovazione in cose come gli occhiali intelligenti.

Tali vantaggi per i consumatori sono perché le autorità antitrust spesso consentono alle imprese di acquistare i fornitori o i distributori (le cosiddette fusioni verticali). Il risparmio sui costi dovrebbe ridurre i prezzi dei clienti perché la società non deve più pagare il markup del fornitore.

Questa è la teoria, ma non contate su quelle sfumature di Prada che sono molto più economiche. Il talento di Luxottica ci porta a pagare di più per gli occhiali, non meno. Dal momento che ha acquistato Ray-Ban quasi due decenni fa, il prezzo medio di vendita è salito. Eyewear è ora un business di lusso, perciò dovresti chiedermi se il prezzo degli occhiali o degli occhiali da prescrizione finisse vicino ai costi di input dopo una fusione. Il margine lordo di Luxottica è del 65%, secondo i dati di Bloomberg.

Una preoccupazione più grande è EssilorLuxottica chiudere i concorrenti - "preclusione" nel linguaggio antitrust - lasciando ai clienti meno scelta. Se i fasci di telai e lenti in vendita nei suoi negozi Lenscrafters, per esempio, altri produttori di lenti perderebbero le vendite. Essilor fornisce solo circa il 30% delle lenti di Luxottica, afferma Credit Suisse. I ottici potrebbero sentirsi pressati per vendere i prodotti di entrambe le aziende.

Sulla base degli enormi affari commerciali di Luxottica e dei siti di e-commerce di Essilor potrebbero anche finire per eliminare negozi indipendenti.

Come Luxottica, che detiene marche rivali nella sua catena di Sunglass Hut, Essilor promette di restare aperta alle imprese esterne. Eppure è iniziato un gioco d'azione. Alcuni negozi ottici sono passati da Essilor a fornitori di lenti rivali a causa delle paure circa l'affare.

Curiosamente, la fusione blocca anche la concorrenza nascente tra le due società. Essilor aveva iniziato a spingere i propri occhiali da sole e le vendite online, mentre Luxottica stava aggiungendo la produzione di lenti. Gli analisti hanno pensato che i due erano sul "corso di collisione" per la guerra dei prezzi che avrebbe fatto male i margini ma ha aumentato i consumatori.

I funzionari antitrust sembrano essere svegli qui. Bruxelles si preoccupa di ridurre la concorrenza alle lenti oftalmiche e regola entro febbraio. Le due società hanno perso un valore complessivo di 7,7 miliardi di euro dal mese di maggio, in attesa di un verdetto.

Jennifer Rie, analista antitrust di Bloomberg Intelligence, prevede richieste di concessioni, forse includendo impegni per proteggere rivali e possibili vendite di asset. Ancora, Essilor e Luxottica hanno un notevole peso come società separate. È difficile capire perché non dovrebbero stare così.

 

Fonte

Fonte https://www.bloomberg.com/gadfly/articles/2017-10-13/luxottica-s-53-billion-deal-looks-a-little-cracked

Traduzione Google

Ultime notizie

© 2017 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406