Aggiornato a Mercoledì 21 Novembre ore 00:38

SocGen: "nuvole nere si stanno addensando"

Pubblicato il 13/09/2018 alle ore 23:57:54

L'ultimo rapporto Global Economic Outlook di Societe Generale intitolato "Storm Clouds Gathering" è più cupo delle ultime tre edizioni. La banca francese afferma che mentre la crescita globale è stabile in questo momento, i rischi al ribasso stanno diventando sempre più pronunciati. Questi rischi sono profondamente radicati nei fattori ciclici e finanziari, ma soprattutto nel processo decisionale politico, prevedendo che la prossima recessione degli Stati Uniti incombe nel 2019/20. 

 

Quattro dei principali rischi al ribasso della banca (protezionismo / guerre commerciali, forte repricing del mercato, incertezza della politica europea e duro sbarco in Cina) si stanno trasformando in minacce significative. Sono disposte nell'iconico "Swan Chart" della banca.

 

Nei prossimi 12 mesi, un'ulteriore intensificazione della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina danneggerà la crescita globale, oltre a una forte ripercussione sui mercati finanziari. SocGen ha detto che mentre l'impatto della guerra commerciale sulla crescita del PIL globale rimane difficile da quantificare, ha affermato che il commercio globale e la crescita del PIL rallenteranno perché aumenterebbe i prezzi delle importazioni nelle economie che impongono tariffe o impongono quote.

Il volume degli scambi globali si sta già indebolendo 

L'indice del commercio mondiale e la crescita delle esportazioni cinesi hanno raggiunto il picco

Naturalmente, una guerra commerciale a tutto campo tra Cina e Stati Uniti danneggerebbe la Cina in scenari plausibili, ha detto la banca francese. Nel 2017, le esportazioni cinesi totali verso gli Stati Uniti sono ammontate a poco più di $ 500 miliardi, quasi il 4% del PIL cinese. Una riduzione del 50% di tali flussi avrebbe danneggiato la crescita della Cina. E con il peso della Cina nell'economia globale di circa il 15%, ciò si tradurrebbe in uno shock negativo per la crescita globale. Per anticipare questi shock, le autorità cinesi hanno già ridimensionato il loro sistema bancario ombra in preparazione alla turbolenza. 

SocGen ha quindi indirizzato le proprie preoccupazioni sulle economie "vulnerabili" dei mercati emergenti, in particolare l'Argentina, la Turchia, il Brasile e il Sudafrica, le cui valute si sono deprezzate del 18-20% rispetto al USD dall'inizio del 2018. L'attenzione si concentra sulla governance e sull'estero estero - debito di valuta nel contesto di un aumento dei tassi di interesse USA e del dollaro USA.

 

 

Il rafforzamento della politica monetaria degli Stati Uniti e la fine del denaro a basso costo stanno anche rendendo SocGen più consapevole del rischio, aggiungendo che una carenza di dollari è stata principalmente il colpevole del caos dei mercati emergenti.

Ancora più importante, SocGen ritiene che il ciclo del rialzo dei tassi negli Stati Uniti debba fare ancora di più (aumento fino a quando qualcosa non si rompe) e la pressione delle valute dei mercati emergenti e dei mercati delle attività potrebbe espandersi nel 2019. Inoltre, le economie che hanno ignorato la pressione dei mercati emergenti potrebbero subire alcune pressioni a breve termine, ma menziona se non si va molto male, una crisi finanziaria dei mercati emergenti sembra essere contenuta.

 

 

Nel frattempo, i rischi di repricing nei mercati azionari delle economie sviluppate rimangono una minaccia significativa. SocGen ha detto che gli indici del mercato azionario degli Stati Uniti hanno continuato a stabilire nuovi record, sebbene la maggior parte dei mercati azionari delle altre economie sviluppate sia in calo da inizio anno, soprattutto in Europa.

Il divario crescente tra i mercati azionari statunitensi e il resto del mondo è stato illustrato nella precedente sessione di podcast di Jeff Gundlach. 

 

Non è solo SocGen e Gundlach che sostengono che i mercati azionari statunitensi sono vicini o in cima alla classifica - l'ultimo rapporto di Morgan Stanley ha mostrato che le proiezioni di crescita S & P 500 EPS "di punta" sono destinate a declinare rapidamente verso 1H19. 

L'espansione americana è forte per ora, ma la prossima recessione incombe nel 2019/20 

Per quanto riguarda l'economia degli Stati Uniti, l'unica domanda è quando scadrà lo zucchero troppo alto dello stimolo fiscale di Trump:

"Il rallentamento della crescita negli Stati Uniti tra fine 2017 e inizio 2018, per quanto lieve, si è dimostrato transitorio e il PIL ha avuto una forte accelerazione nel 2 ° trimestre. La forza del rimbalzo ha superato le nostre aspettative e quindi le previsioni degli Stati Uniti sono salite da 0,2 p al 2,8% e 1,6% rispettivamente per quest'anno e per il prossimo, ancora sostanzialmente al di sotto del consenso (circa il 2,6%). In effetti, prevediamo una crescita sequenziale trimestrale rallentata da qui e una crescita anno su anno verso l'alto fuori intorno al tasso attuale.Per la crescita degli Stati Uniti, questo era probabilmente buono come diventa.

Per il prossimo anno o giù di lì, l'economia degli Stati Uniti continuerà ad essere sostenuta da tagli alle tasse e da una maggiore spesa pubblica, predice SocGen. Questo, insieme a una crescita dell'occupazione solida, sosterrà la crescita dei consumi privati ​​a un tasso salutare fino al 2019. I tagli delle imposte sulle società possono anche essere un fattore trainante degli investimenti delle imprese che sono stati sostenuti recentemente, ma le prove non sono chiare, considerato lo scopo relativamente ristretto di queste spese, molte delle quali sono andate in IT, software e trivellazione petrolifera.

Prevedibilmente, se le riduzioni delle tasse fossero un fattore importante di forza negli investimenti, la spesa dovrebbe essere più ampia. Più in generale, le condizioni di offerta restrittive giocano probabilmente un ruolo maggiore rispetto alle riduzioni fiscali, la maggior parte delle quali viene restituita agli investitori tramite acquisti di azioni. 

Per quanto riguarda la crescita prevista degli Stati Uniti, ecco l'unico grafico che il presidente Trump spera di sbagliare in quanto l'alternativa è "tutto in discesa da qui".

 

 

Fonte 

https://www.zerohedge.com/news/2018-09-12/socgen-storm-clouds-gathering-next-recession-looms

Ultime notizie

© 2018 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406