Aggiornato a Mercoledì 21 Novembre ore 03:32

Aedes sui minimi storici

Pubblicato il 06/11/2018 alle ore 11:01:29





 

La società ha deciso di scindere le attività di intermediazione mobiliare, quelle da trading, dagli immobili che invece rimangono in portafoglio e sono parte della Siiq. La decisione, presa ad agosto e formalizzata dal Cda di settembre, prevedeva il raggruppamento delle azioni (nel rapporto di 10 vecchie per una nuova) che è stato realizzato ieri. L'azienda non naviga in buone acque tanto che da anni chiude in perdita e la decisione presa da Cda è in funzione di un recupero di redditività. Redditività che manca da anni tanto che il titolo quota sui minimi assoluti e non ci sono cenni di possibile recupero. Anzi, proprio la decisione di raggruppare le azioni è indice di chiara difficoltà perché non è altro che un'operazione di maquillage in vista di un'operazione straordinaria (in questo caso la scissione proporzionale perché, in genere, anticipa un aumento di capitale).

Appare evidente che suggeriamo assoluta cautela nel prendere decisioni operative anche perché il titolo, proprio nella seduta di oggi, segna un nuovo picco ribassista appena sopra i 2 euro e sfondando con decisione il minimo precedente posto a 2.15 euro. I volumi sono molto alti e questo conferma che non vi sono motivi per procedere ad interventi operativi. Anzi, la posizione degli oscillatori suggerisce ulteriore cautela perché un eventuale cedimento dei prezzi potrebbe provocare un nuovo affondo e portare il titolo sotto la soglia di 2 euro.

Infine, segnaliamo che abbiamo inserito la media mobile a 100 gg che, negli ultimi mesi, si è sempre rivelato un ottimo indicatore. Si nota che negli ultimi mesi è stata raggiunta in maniera millimetrica ed ha sempre respinti i tentativi di allungo.

 

Insomma, meglio valutare con calma senza farsi ingolosire dal prezzo sui minimi assoluti.

 

Ultime notizie

© 2018 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406