Aggiornato a Mercoledì 21 Novembre ore 18:05

La Commissione UE rivede le stime sull'Italia

Pubblicato il 08/11/2018 alle ore 12:27:18

Le previsioni Ue tagliano il Pil 2018 da 1,3% a 1,1%, e ritoccano quello 2019 da 1,1% a 1,2%. "Dopo una crescita solida nel 2017 l'economia italiana ha rallentato nella prima metà di quest'anno per l'indebolimento dell'export e della produzione industriale. Una ripresa degli export e una maggiore spesa pubblica sosterranno la crescita moderatamente ma l'associato rischio nel deficit, assieme ad interessi più alti e considerevoli rischi al ribasso, mette in pericolo la riduzione dell'alto debito", si legge nel testo. 


Per quanto riguarda il 2019, "ci si aspetta che ritardi nell'implementazione e colli di bottiglia amministrativi ritardino l'impatto di crescita moderato delle misure" della manovra. "La ripresa degli investimenti privati è prevista rallentare per il dissolversi dei venti di coda della politica monetaria e degli incentivi fiscali, e a causa delle imprese che affrontano condizioni di credito più strette, legate all'impatto dello spread sulla fornitura di credito", prosegue la Commissione.    

"Nel 2020, che ha due giorni in più, il Pil è previsto crescere dell'1,3% sostenuto dagli investimenti, specialmente nel settore edile. Le esportazioni dovrebbero crescere ampiamente in linea con il mercato, mentre gli esportatori italiani  dovrebbero mantenere la loro posizione competitiva, contenendo le perdite del 2018", scrive la Commissione. 

Aumenta il deficit: stimato oltre il 3% nel 2020 La Commissione Ue rivede al rialzo le stime sul deficit italiano: nel 2018 dall'1,7% previsto in primavera sale a 1,9%, per poi schizzare al 2,9% nel 2019 "a causa delle misure programmate" come reddito di cittadinanza, riforma Fornero e investimenti pubblici che "aumenteranno significativamente la spesa". Nel 2020 sfonda il tetto del 3%, raggiungendo il 3,1%. La Ue precisa che tale cifra non tiene in considerazione la clausola di salvaguardia, cioè l'aumento dell'Iva, data la "sistematica sterilizzazione". 

Il debito resta alto "A causa del deterioramento del bilancio, unito ai rischi al ribasso sulla crescita, l'alto debito italiano rimarrà stabile attorno al 131% su tutto il periodo delle previsioni" cioè 2018, 2019 e 2020, scrive la Commissione nelle nuove previsioni economiche autunnali. 

Italia ultima per la crescita L'Italia si conferma inoltre ultima per crescita in tutta Europa sia per il 2018 che per il 2019 e il 2020. Con l'1,1% quest'anno, persino il Regno Unito nonostante le difficoltà legate alla Brexit fa meglio con l'1,3%. Nel 2019, allo stesso livello di Pil dell'1,2% dell'Italia ci sarà solo Londra ma ormai sarà già fuori dall'Ue. La peggiore crescita dopo l'Italia sarà l'1,5% del Belgio, secondo con l'1,4% anche nel 2020 dietro l'1,3% italiano. 

Disoccupazione in calo La disoccupazione nell'eurozona e nell'Ue continua a calare, per scendere al livello record sotto la barra dell'8% nel 2019 (7,9% nei 19 e 7% nei 27) e sotto quella del 7% nel 2020 (7,5% nei 19 e 6,6% nei 27), che sarebbe il livello più basso mai raggiunto dall'inizio delle serie statistiche nel 2000. Per il 2018 il tasso è dell'8,4% nell'eurozona e del 7,4% nell'Ue. La creazione dell'occupazione invece rallenta, per mancanza di mano d'opera e per una crescita più lenta, con l'1,1% nel 2019 e lo 0,9% nel 2020 nell'eurozona. La Commissione Ue prevede "solo un lento miglioramento" per il mercato del lavoro in Italia, e rivede leggermente al ribasso le stime della disoccupazione: dal 10,8% nel 2018 previsto la scorsa primavera si scende al 10,7%, e dal 10,6% del 2019 si cala al 10,4%, per poi arrivare al 10% nel 2020.  


Fonte 
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Ue-rivede-al-rialzo-le-stime-del-deficit-italiano-Italia-ultima-per-la-crescita-32950448-3a36-4461-98e8-85daaeac3421.html

Ultime notizie

© 2018 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406