Aggiornato a Giovedì 6 Maggio ore 22:29
Menu

Previsioni Commissione Europea

Pubblicato il 11/02/2021 alle ore 12:15:11

 

L'Europa rimane nella morsa della pandemia di coronavirus. La recrudescenza del numero di casi, insieme alla comparsa di nuovi ceppi più contagiosi del coronavirus, hanno costretto molti Stati membri a reintrodurre o rafforzare le misure di contenimento. Allo stesso tempo, l'avvio dei programmi di vaccinazione in tutta l'UE fornisce motivi per un cauto ottimismo.
 

La crescita economica è pronta a riprendersi con l'allentamento delle misure di contenimento
 

Le previsioni economiche per l' inverno 2021 prevedono che l'economia dell'area dell'euro crescerà del 3,8% sia nel 2021 che nel 2022. Le previsioni prevedono che l'economia dell'UE crescerà del 3,7% nel 2021 e del 3,9% nel 2022.
 

Si prevede che le economie dell'area dell'euro e dell'UE raggiungeranno i livelli di produzione pre-crisi prima di quanto previsto nelle previsioni economiche dell'autunno 2020 , in gran parte a causa del ritmo di crescita più forte del previsto previsto nella seconda metà del 2021 e nel 2022. 
 

Dopo la forte crescita nel terzo trimestre del 2020, l'attività economica si è nuovamente contratta nel quarto trimestre poiché una seconda ondata della pandemia ha innescato nuove misure di contenimento. Con tali misure ancora in vigore, le economie dell'UE e dell'area dell'euro dovrebbero contrarsi nel primo trimestre del 2021. La crescita economica dovrebbe riprendere in primavera e acquisire slancio in estate, con il progredire dei programmi di vaccinazione e le misure di contenimento gradualmente allentate. Anche le migliori prospettive per l'economia globale sosterranno la ripresa.
 

L'impatto economico della pandemia rimane disomogeneo tra gli Stati membri e si prevede che anche la velocità della ripresa varierà in modo significativo.
 

Le prospettive di inflazione restano contenute
 

Le previsioni prevedono che l'inflazione nell'area dell'euro aumenterà dallo 0,3% nel 2020 all'1,4% nel 2021, prima di moderarsi leggermente all'1,3% nel 2022. Le previsioni di inflazione per l'area dell'euro e l'UE sono aumentate leggermente per il 2021 rispetto al l'autunno ma, nel complesso, dovrebbe rimanere moderato. La ripresa ritardata dovrebbe continuare a smorzare le pressioni della domanda aggregata sui prezzi. Nel 2021, sarà temporaneamente sospinto da effetti di base positivi sull'inflazione energetica, aggiustamenti fiscali - specialmente in Germania - e l'impatto della domanda repressa che colpisce alcuni restanti vincoli di offerta. Nel 2022, poiché l'offerta si aggiusta e gli effetti di base diminuiscono, si prevede che l'inflazione si ridurrà nuovamente. 
 

Rimangono elevate incertezze e rischi significativi
 

I rischi che circondano le previsioni sono più equilibrati dall'autunno, anche se rimangono elevati. Sono principalmente legati all'evoluzione della pandemia e al successo delle campagne di vaccinazione.
 

I rischi positivi sono legati alla possibilità che il processo di vaccinazione porti a un allentamento più rapido del previsto delle misure di contenimento e quindi a una ripresa più rapida e più forte. Inoltre, NextGenerationEU, lo strumento di recupero dell'UE il cui fulcro è il Recovery and Resilience Facility (RRF), potrebbe alimentare una crescita più forte del previsto, dal momento che il finanziamento previsto non è stato - per la maggior parte - ancora incorporato in questa previsione. 
 

In termini di rischi negativi, la pandemia potrebbe rivelarsi più persistente o grave a breve termine di quanto ipotizzato in questa previsione, oppure potrebbero verificarsi ritardi nell'introduzione dei programmi di vaccinazione. Ciò potrebbe ritardare l'allentamento delle misure di contenimento, che a sua volta influenzerebbe i tempi e la forza della ripresa attesa. C'è anche il rischio che la crisi possa lasciare cicatrici più profonde nel tessuto economico e sociale dell'UE, in particolare a causa di fallimenti diffusi e perdita di posti di lavoro. Ciò danneggerebbe anche il settore finanziario, aumenterebbe la disoccupazione di lunga durata e peggiorerebbe le disuguaglianze.
 

I membri del Collegio hanno detto :

Valdis Dombrovskis , Vicepresidente esecutivo per un'economia che lavora per le persone, ha dichiarato: “ Le previsioni di oggi offrono una vera speranza in un momento di grande incertezza per tutti noi. La solida ripresa prevista della crescita nella seconda metà di quest'anno mostra molto chiaramente che stiamo voltando l'angolo per superare questa crisi. Una forte risposta europea sarà fondamentale per affrontare questioni come la perdita di posti di lavoro, un settore aziendale indebolito e le crescenti disuguaglianze. Avremo ancora molto da fare per contenere la più ampia ricaduta socioeconomica. Il nostro pacchetto di recupero contribuirà notevolmente a sostenere la ripresa, sostenuto dall'introduzione della vaccinazione e da una probabile ripresa della domanda globale ".
 

Paolo Gentiloni, Commissioner for Economy said: “Gli europei stanno vivendo tempi difficili. Restiamo nella morsa dolorosa della pandemia, le cui conseguenze sociali ed economiche sono fin troppo evidenti. Eppure c'è, finalmente, la luce alla fine del tunnel. Poiché un numero crescente di vaccini verrà vaccinato nei prossimi mesi, un allentamento delle misure di contenimento dovrebbe consentire un rafforzamento della ripresa durante la primavera e l'estate. L'economia dell'UE dovrebbe tornare ai livelli di PIL pre-pandemici nel 2022, prima di quanto previsto in precedenza, sebbene la produzione persa nel 2020 non verrà recuperata così rapidamente o allo stesso ritmo in tutta la nostra Unione. Questa previsione è soggetta a molteplici rischi, legati ad esempio a nuove varianti di COVID-19 e alla situazione epidemiologica globale. D'altra parte, l'impatto di Next Generation EU dovrebbe fornire un forte impulso alle economie più colpite nei prossimi anni,

sfondo

La previsione economica dell'inverno 2021 fornisce un aggiornamento della previsione economica dell'autunno 2020 che è stata presentata nel novembre 2020, concentrandosi sugli sviluppi del PIL e dell'inflazione in tutti gli Stati membri dell'UE.

Questa previsione si basa su una serie di ipotesi tecniche riguardanti tassi di cambio, tassi di interesse e prezzi delle materie prime, con una data limite il 28 gennaio 2021. Per tutti gli altri dati in arrivo, comprese le ipotesi sulle politiche governative, questa previsione prende in considerazione le informazioni fino al 2 febbraio compreso. A meno che le politiche non siano annunciate in modo credibile e specificate in modo sufficientemente dettagliato, le proiezioni non presuppongono cambiamenti di politica.

Fondamentalmente, la previsione si basa su due importanti ipotesi tecniche riguardanti la pandemia. In primo luogo, si presume che dopo un inasprimento significativo nel quarto trimestre del 2020, le misure di contenimento rimangano rigorose nel primo trimestre del 2021. La previsione presume che le misure di contenimento inizieranno quindi ad allentarsi verso la fine del secondo trimestre, e quindi in modo più marcato nella seconda metà dell'anno, quando avrebbero dovuto essere vaccinati i più vulnerabili e una quota crescente della popolazione adulta. In secondo luogo, si presume che le misure di contenimento rimarranno marginali verso la fine del 2021 con solo misure settoriali mirate ancora presenti nel 2022.

L'incorporazione di NextGenerationEU, compreso l'RRF, nelle previsioni rimane in linea con la consueta ipotesi di non cambiamento di politica ed è invariata rispetto alle previsioni d'autunno. La previsione include solo le misure che sono state adottate o annunciate in modo credibile e specificate in modo sufficientemente dettagliato, in particolare nei bilanci nazionali. In pratica, ciò significa che le proiezioni economiche di pochi Stati membri tengono conto di alcune misure che dovrebbero essere finanziate nell'ambito di RRF.

Questa previsione tiene conto del fatto che l'UE e il Regno Unito hanno concordato un accordo di commercio e cooperazione, che è provvisoriamente in vigore dal 1 ° gennaio 2021 e che include un accordo di libero scambio (ALS).

La prossima previsione della Commissione europea sarà la previsione economica della primavera 2021 a maggio 2021.



Ultime notizie

© 2021 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406